SOLUZIONE su IN GIRO. L’intervista

 

In-Giro incontra… Soluzione

Questa sera, nel salotto virtuale della ‘giungla equo&musicale’ di In-Giro. net, accogliamo i: Soluzione

Rock Band nata alla fine degli anni ’90 nel veneziano, che ‘mistura’ note, voci, e strumenti dando vita ad un’esplosione di energica architettura musicale…

L’ESPERIENZA SEGNA è il loro nuovo lavoro con la partecipazione di tre speciali ospiti, Mao, Garbo e Federico Fiumani dei Diaframma e un set di videoclip realizzati da giovani filmaker internazionali segnalati nei festival tra Italia, Europa e Sud America. Un lavoro profondo e maturo e allo stesso tempo estremamente godibile per i Soluzione, lavoro che esplora la Vita, la parola e il linguaggio, le relazioni tra gli esseri umani e le loro contraddizioni in un’epoca schiacciata da intermezzi televisivi e slogan che nascondono il Nulla mentre il Mondo continua a dondolare pericolosamente affacciandosi al baratro. Tra New Wave, atmosfere “dark” e pop d’autore, Esistenzialismo e poesia, strizzando l’occhio agli anni ’70 (e a Stanley Kubrick), pervadendo tutto di un’amara ironia e di una malinconia degna degli chansonnier francesi e dei poeti “maledetti, un piccolo gioiello moderno.

Salve ragazzi! Mettetevi comodi, c’è spazio per tutti! Sorseggiamo un tè (virtuale anch’esso), mentre ci appropinquiamo a dissetare la nostra arsura del ‘sapere musicale’…

Ciao a tutti. Buonissimo questo tè! E’ un Earl Grey? Credo che ne prenderò subito un’altra tazza!

La prima domanda è: Cosa vi aspettate dalla musica, esattamente al suo contrario… Cosa credete che la musica si aspetti da voi….?

Paragono la Musica ad un’amante, una splendida donna da amare, da sedurre, con cui fantasticare, che non è mai stanca se non sei stanco tu, che anche quando ti perdi sa sempre dove trovarti, che… quando non sai cosa dire, attacchi il jack e Suoni! …E tutto diventa magia. Da bambino, davanti alla pianola Bontempi, schiacciavo tasti, bianchi o neri che fossero non importava: se ciò che facevo mi piaceva, allora andava bene. Oggi, ovviamente molto è cambiato. Dietro quei tasti bianchi e neri c’è un mondo complesso fatto di amore, gioia, sofferenza, lavoro, di rincorse a perdifiato e molto altro. Nel disco “L’esperienza segna” ho cercato di raccontare tutto questo, rendendo “melodico” e “armonioso” anche quelle cose che per natura non lo sono necessariamente… un disco che racconta la mia vita, quasi fossi lo spettatore di me stesso. Tredici canzoni che simboleggiano la distruzione e la rinascita della vita, passando attraverso la negazione dell’esistenza e l’annientamento di ogni valore. In effetti, se ci pensi, oggi è un buon momento per ricominciare da zero. Tutto sembra completamente immobile, eppure le cose cambiano ugualmente. Da un apparente immobilismo si possono trovare delle brillanti idee e sviluppare grandi progetti (che nemmeno ti saresti sognato)… Per citare una nostra canzone, in “Pensiero in movimento” ho cercato di raccontare questo, ho cercato di trasmettere la mia voglia di essere più “leggero” e pronto a partire, il desiderio sincero di essere libero da immagini stereotipate. Con la massima umiltà temo che la Musica non si aspetti nulla da noi… è semplicemente uno stato più “alto”, sta semplicemente lì. Siamo noi a goderne.

Avete scelto uno strumento complesso per ‘dire e dare’ di voi stessi… Il pianeta della musica, a nostro avviso, ha spazio per tutti, ma ahimè, non per tutti è così….. Dal vostro cantautorato ‘impregnato’ di rock qual è il messaggio che lasciate scivolare sui palchi…?

Di essere e rimanere liberi. L’arte mi ha insegnato a non avere barriere, vincoli, costrizioni. Suono per questo, per comunicare quello che sento, nel modo che meglio mi veste, facendolo nel modo che conosco. Questo comporta anche esporsi e quindi offrire spesso il fianco, ma in fondo è un rischio che ho imparato ad affrontare e mi piace moltissimo. Per citare provocatoriamente un illustre letterato “Non importa che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli”… Perché in fondo è questo che vogliamo che accada. Se possiamo essere il pretesto per una discussione, per uno scambio di idee tra persone, abbiamo raggiunto un grande scopo.

Cosa volete che ci si ricordi andando via da un vostro concerto …?

Di passare al banco del merchandising per comprare il cd e la maglietta (per sostenere ciò che piace e per darci una mano). Mi passi un pasticcino?

Certamente….assaggia questo all’aroma di betulla… Che nome dareste alla sensazione provata quando gli strumenti si uniscono per dar voce al vostro progetto?

Soddisfazione

Riconosciamo l’Entità dei Soluzione… In che modo avviene la fusione armonica delle tracce elettroniche con il rock?

In modo del tutto naturale. Non riesco a pensare ad una chitarra separata da un sintetizzatore o una drum machine da una batteria acustica. I suoni che girano nella mia testa non hanno una collocazione strumentale ‘standard’. Una batteria elettronica può così generare dei tappeti sonori e un sintetizzatore può generare parti ritmiche o chitarre distorte. Ma vale anche il contrario. Dall’ascolto dei Depeche Mode (e ovviamente di molti altri artisti) ho imparato un sacco di cose. Lastre di metallo percosse, nastri a bobina che generano loop a ripetizione, chitarre digitalizzate e “midizzate”. La fantasia è il nostro limite.

I vostri testi sono ricchi di prosa e di contenuti interiori… quanto dista la vostra anima dal vostro strumento?

Ho sempre pensato agli strumenti musicali come a un prolungamento dei nostri arti e di conseguenza del nostro pensiero e di ciò che proviamo… In “Facili forme” parlo di questo e di quanto sia difficile rimanere vicini al proprio sentire, quando l’invidia, la mancanza di conoscenza e di obiettività da parte di chi ci sta intorno, ci travolgono mettendo a rischio il nostro equilibrio.

L’Esperienza Segna è il risultato di un maturato lavoro musicale… Raccontatecelo voi nell’arco di un’emozione…

Questo disco ha richiesto molta energia. Molte sono state le storie (belle e brutte) che hanno accompagnato la produzione di questi tredici brani, storie vissute così intensamente che sono diventate, inevitabilmente, parte integrante del progetto stesso. Tutti noi Soluzione, insieme ai ragazzi della JOST, insieme a mio fratello Massimiliano Nuzzolo, coproduttore del disco e scrittore, continuiamo costantemente a lavorare, confrontandoci su tutto, con dedizione e passione. La professionalità è elemento necessario per fare qualcosa di costruttivo. Se guardo e ascolto il nostro cd, rimango positivamente impressionato, perché è sempre grande l’emozione nel vedere che le nostre idee abbiano preso forma in modo indelebile, idee che mi auguro possano rimanere come documenti nel tempo, una traccia della nostra Esistenza e della nostra Esperienza.

La teiera è ormai vuota….e gli ultimi due pasticcini alla betulla vogliamo che li portiate con voi..come un amuleto… Grazie ai Soluzione per aver portato nel nostro salotto un pò della loro anima e del loro coraggio…

leggi l’intervista su InGiro

Annunci

Informazioni su jostmultimedia

me and you and everyone we know... suoniamo, scriviamo facciamo video, illustrazioni, eventi. laboratorio multimediale
Questa voce è stata pubblicata in COLLABORAZIONI, EVENTI, IMMAGINI, SOLUZIONE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...