Jost vi invita a VENEZIA CITTA’VIVA: si presenta FRATTURE!

Ci siamo anche noi di JOST! Massimiliano Nuzzolo presenterà “FRATTURE” venerdì 28 settembre ore 18.30 presso il Circolo Arci Franca Trentin, insieme a Leopoldo Pietragnoli, Gianpietro Manente e l’attore Ali Mukulel

Immagine in linea 1

Accedi alla pagina web

Le Associazioni di Venezia 

ti invitano a 60 eventi 
distribuiti per tutta la città

Scarica il programma (.pdf)

 
 
     
 

Evento Facebook

Scegli il tuo

Mappa dei Luoghi (web)

 

ingresso libero ad ogni evento

 

 

“Colpo d’oppio” su L’ERBA DELLA STREGA

Il Ns piccolo Ugo sta spopolando e noi tutti qui a Jost ne siamo entusiasti, d’altra parte l’abbiamo scelto, segnalato e promozionato. Ed ora gli amici dell’ERBA DELLA STREGA (portale di cultura dark) lo hanno recensito per voi.

UGO SETTE “COLPO D’OPPIO” Immaginate di prendere Camus e di farlo stare nel 2012 per un mesetto circa. Cosa ne viene fuori? Probabilmente un racconto (anzi, due) simile a Colpo D’Oppio di Ugo Sette. Il personaggio delle due storie (il prequel come prassi è messo al secondo posto) vive in una cittadina del Nord Est chiamata Q, ma potrebbe benissimo essere Mestre, e vive le sue giornate da universitario inventando cose, annoiandosi, bagnandosi continuamente nell’assurdo della quotidianità. A livello puremante tecnico, il libro mostra una serie di deja vù letterari, ma amalgamati e interpretati in modo tale da risultare avvincenti e coinvolgenti. In un epoca in cui è difficile inventare qualcosa di veramente nuovo, la reinterpretazione personale è una delle doti migliori che un autore possa avere, e Sette ce l’ha eccome. Rock and Roll, violenza malsopportata, amori sbilenchi, apatia, cinismo, dolore malcelato e la cruda realtà. Questo e molto di più tra le pagine di Colpo D’Oppio. Vi sorprenderà.  http://www.lupoeditore.it Max1334 Leggi la rece qui

 

Ugo Sette sul Blog LIBRI – La REPUBBLICA Bari!

http://libri-bari.blogautore.repubblica.it/2012/09/10/letture-estive-gli-editori-pugliesi-consigliano-16/

Ugo Sette e “Colpo d’oppio” sul SUDEST!

“Colpo d’oppio” di Ugo Sette, lo sguardo dell’alieno Ugo sulla realtà contemporanea di Micaela Ricci
 alt

 Si chiama Ugo il protagonista di “Colpo d’oppio. Due romanzi”, come il suo autore Ugo Sette, alieno in un mondo di cui non accetta le convenzioni e le ipocrisie. Più che di un romanzo in senso stretto, il libro è un building romance composto da due storie, “L’importanza di chiamarsi Ugo-a me (mi) piace la morte perchè mi fa capire che sono vivo” e “L’alieno”, con un protagonista che cerca di districarsi tra le difficoltà e il vuoto morale della società contemporanea. Ugo Sette, originario di Mestre, laureato in Antropologia filosofica, in continuo viaggio tra l’Italia e Berlino, ha iniziato il suo esordio narrativo con il racconto “Io, il Walkman e Sara” sull’antologia “La musica è il mio radar”; è al suo secondo romanzo, dopo il primo “L’importanza di chiamarsi Ugo”.Ambientato nella città di Q, rimando letterario alla città di K della trilogia di Àgota Kristòf, il romanzo presenta una cittadina del nord-est d’Italia, una realtà provinciale ma che diventa il simbolo di tutta l’Italia, con i suoi molteplici e variegati aspetti. I riferimenti letterari, da Kafka allo “Straniero” di Camus a Wilde (evidentemente ripreso nel primo racconto), echeggiano tra le pagine del romanzo e raccontano le vicende di un ragazzo diverso rispetto agli stereotipi della società ma che utilizza la propria diversità per denunciare l’intolleranza e il razzismo della società contemporanea… Continua a leggere qui

Iannozzi scrive di Sette!

Giuseppe Iannozzi aka King Lear parla di Ugo Sette e del romanzo “Colpo d’oppio

Colpo d’Oppio (due romanzi).Ugo Sette tra Wilde, Thackeray e Coupland

Colpo d'oppio - Ugo Sette - Lupo editoreSiamo a Q, in una provincia italica molto più che benestante, in una città situata a Nordest dove a farla da padroni sono (erano) i leghisti. Siamo con Ugo e siamo in sua compagnia.
Ugo è un inventore strampalato, un tipo in gamba che però la società tutta indica come un “alieno”, vale a dire uno che nella vita non combinerà mai niente di buono. Ugo perde tempo, inventa perché vorrebbe con le sue invenzioni portare del buono (del bene) all’umanità. Ugo sogna di riuscire a diventare un grande inventore, un po’ come Alessandro Volta… Continua a leggere qui

Sab 22 Settembre FRATTURE a PIANETI GIALLI per l’EMILIA!

Il romanzo “Fratture” partecipa a Festival Pianeti Gialli per l’Emilia. Massimiliano Nuzzolo, l’attore Ali Mukulel insieme al prof. Gianpietro Manente lo presenteranno sabat0 22 settembre ore 21.00 c/o il centro civico di Bojon (Ve). Pianeti Gialli dal 21 al 23 settembre è una manifestazione con eventi gratuiti al pubblico dedicati allo sport, cultura, e solidarietà per l’Emilia. I fondi donati saranno impiegati a favore dei progetti che arci e uisp emilia finanzieranno a livello comunitario. Maggiori info qui

L’intervista di CAM a Massimiliano Nuzzolo

Tommaso De Beni di Con Altri Mezzi ha intervistato il ns Massimiliano Nuzzolo parlando con lui del nuovo romanzo “Fratture“, di Letteratura, di Sentimenti, di Vita, dei Cure e molto altro ancora… Leggi l’intervista su Con Altri Mezzi

 

 

FRATTURE su I THINK MAGAZINE!

Cos’è l’anima e dove si trova? È immateriale o tangibile e reale? E se è reale può anche rompersi e fratturarsi?

Frattura è un termine di uso comune nel linguaggio quotidiano e di certo l’immagine che nell’immediato affiora alla nostra mente, non essendo questa voce apparentemente ricca di valori semantici differenziati, è quella della rottura di un oggetto, o comunque nello specifico, di un qualcosa di palpabile e materiale che si danneggia e che per questo cessa, momentaneamente o per sempre, di presiedere alle funzioni alle quali era destinato. Tutto si rompe, vetri, macchine, ossa. E qualcosa, a volte, può essere riaggiustato.

In Fratture, di Massimiliano Nuzzolo, scrittore e produttore musicale già noto per alcuni titoli (L’Ultimo Disco Dei Cure, Tre Metri Sotto Terra, Brevi Poesie Degli Amori Tramontati e curatore della raccolta di racconti musicali La Musica è Il Mio Radar recensita da I Think qui: http://www.ithinkmagazine.it/libri/2844-recensione-aavv-la-musica-e-il-mio-radar.html),  le fratture di cui si parla sono altre, sono quelle dell’anima…

Continua a leggere l’articolo di Annarita Zezza su IThinkMagazine

FRATTURE su GenerAzione Rivista

Un bell’articolo su Fratture firmato Giulia Gallo è uscito su GenerAzione Rivista

→ AAA ½

Fratture è l’ultimo romanzo di Massimilano Nuzzolo. Ci parla di una storia d’amore diversa, fatta di mille ostacoli ed intrecci e caratterizzata da un tramite: il telefono. Sono i personaggi in prima persona che ci raccontano gli avvenimenti che si creano attorno a loro, ci fanno scoprire una nuova realtà, arrivando in alcuni casi all’assurdo.
I punti di vista sono due e due sono i veri protagonisti di questa vicenda, Thomas ed Elisa.

Ci ritroviamo immersi in un momento di crisi, dovuto all’incidente creato da Thomas e di cui lui stesso subirà i danni: la perdita di memoria e il senso di smarrimento nel ritrovarsi in una vita che prima era fatta a pennello per lui, ma in cui ora non riesce più a ritrovare se stesso. È questo avvenimento che lo porterà a vedere con molta più crudeltà i fatti della vita e a risvegliare il suo subconscio rinvigorendo le ferite passate. Un romanzo che già da queste prime battute riesce ad impressionarci, a catturarci grazie al realismo dei fatti descritti. Una storia ben narrata, che ci permette di capire l’importanza di alcune situazioni che la vita obbliga a dover affrontare, volenti o nolenti…

Leggi il resto dell’articolo su GenerAzione