La Felicità su LANKELOT

Talk+Talk+-+Happiness+Is+Easy+12+Mix+UK-BSAndrea Brancolini recensisce “La felicità è facile” su LANKELOT

La felicità è facile / La gioia è scritta sulla terra”, sono i versi di una canzone dei Talk Talk che danno il titolo e aprono questa raccolta di racconti dell’autore veneto Massimiliano Nuzzolo. Si indirizza subito chi legge/ascolta verso una scrittura di cui la musica è uno dei pilastri fondamentali; musica sia citata, e si va dai Led Zeppelin a Stockhausen, sia intesa come ritmo dato alla narrazione. Continua a leggere “La Felicità su LANKELOT”

Sab 24 Ugo Sette e Massimiliano Nuzzolo @ Franky’s Motel RadioBase

Sabato 24 novembre dalle ore 15.00 alle 17.00 circa

Ugo Sette e Massimiliano Nuzzolo saranno ospiti di Stefano Vettoretti e del suo FRANKY’S MOTEL su RadioBase per presentare il primo romanzo di Ugo “COLPO D’OPPIO“, parlare di Berlino, dell’inter, di politica, dei Soluzione, dei Kyrie e delle altre news di casa Jost

In diretta sulle frequenze 97.300 e in rete www.radiobase.net

“Colpo d’oppio” su L’ERBA DELLA STREGA

Il Ns piccolo Ugo sta spopolando e noi tutti qui a Jost ne siamo entusiasti, d’altra parte l’abbiamo scelto, segnalato e promozionato. Ed ora gli amici dell’ERBA DELLA STREGA (portale di cultura dark) lo hanno recensito per voi.

UGO SETTE “COLPO D’OPPIO” Immaginate di prendere Camus e di farlo stare nel 2012 per un mesetto circa. Cosa ne viene fuori? Probabilmente un racconto (anzi, due) simile a Colpo D’Oppio di Ugo Sette. Il personaggio delle due storie (il prequel come prassi è messo al secondo posto) vive in una cittadina del Nord Est chiamata Q, ma potrebbe benissimo essere Mestre, e vive le sue giornate da universitario inventando cose, annoiandosi, bagnandosi continuamente nell’assurdo della quotidianità. A livello puremante tecnico, il libro mostra una serie di deja vù letterari, ma amalgamati e interpretati in modo tale da risultare avvincenti e coinvolgenti. In un epoca in cui è difficile inventare qualcosa di veramente nuovo, la reinterpretazione personale è una delle doti migliori che un autore possa avere, e Sette ce l’ha eccome. Rock and Roll, violenza malsopportata, amori sbilenchi, apatia, cinismo, dolore malcelato e la cruda realtà. Questo e molto di più tra le pagine di Colpo D’Oppio. Vi sorprenderà.  http://www.lupoeditore.it Max1334 Leggi la rece qui

 

Iannozzi scrive di Sette!

Giuseppe Iannozzi aka King Lear parla di Ugo Sette e del romanzo “Colpo d’oppio

Colpo d’Oppio (due romanzi).Ugo Sette tra Wilde, Thackeray e Coupland

Colpo d'oppio - Ugo Sette - Lupo editoreSiamo a Q, in una provincia italica molto più che benestante, in una città situata a Nordest dove a farla da padroni sono (erano) i leghisti. Siamo con Ugo e siamo in sua compagnia.
Ugo è un inventore strampalato, un tipo in gamba che però la società tutta indica come un “alieno”, vale a dire uno che nella vita non combinerà mai niente di buono. Ugo perde tempo, inventa perché vorrebbe con le sue invenzioni portare del buono (del bene) all’umanità. Ugo sogna di riuscire a diventare un grande inventore, un po’ come Alessandro Volta… Continua a leggere qui

Ugo Sette e “Colpo d’oppio” su Rockit!

Il ns piccolo Ugo Sette inizia a imperversare in rete. Ecco la rece apparsa su ROCKIT – Bookit n°22 – rubrica curata da Renzo Stefanel

UGO SETTE
Colpo d’oppio

243 pp., 16 €, Lupo, 2012
Due romanzi in uno, “L’alieno” e il suo prequel, ma posposto, “L’importanza di essere Ugo”, allusivi fin dai titoli a Camus e Wilde. Ma le allusioni letterarie si moltiplicano, in questa duplice storia del giovane mestrino Ugo e del suo progressivo estraniarsi dal genere umano senza perdere la voglia di vivere la vita intensamente e fino in fondo. Alla fine non si tratta di una semplice somma di voluti e più o meno esibiti plagi, ma della descrizione della condizione di vita nell’epoca del postmoderno, caratterizzata insieme dalla sensazione che tutto sia ormai stato detto e vissuto e dalla perdita di memoria tipica della società dello spettacolo, che permette di riciclare, con poche modifiche, gli stessi prodotti a un pubblico di consumatori sempre più smemorati e quindi funzionali al sistema. Interessante esordio, sempre che lo stesso nome dell’autore, coincidente con quello del suo personaggio, non sia esso stesso allusione e pseudonimo. //

http://www.rockit.it/articolo/18830/bookit-appuntamento-numero-22